I burattini tradizionali

 

http://www.arteliphoto.it/

http://www.arteliphoto.it/

I primi burattini che ho conosciuto, nell’infanzia, sono stati quelli tradizionali bolognesi: Sganapino, Fagiolino, Sandrone, Balanzone… 

Nel 2004, quando ho terminato la scuola per burattinai, a Cervia, ho iniziato la mia attività di burattinaia basandomi su canovacci del repertorio tradizionale: “Giove Giove”, “Fagiolino medico per forza”, “Fagiolino barbiere dei morti”, ecc…

Nel 2009, dopo 5 anni in cui interpretavo le maschere tradizionali, mi sono resa conto che quella non era la mia strada. Avevo bisogno di altri personaggi, che dessero voce alla mia femminilità ed al mio amore per il fiabesco.
_ELI3893-4Ho quindi ricominciato tutto da capo, uscendo dalla baracca, abbandonando momentaneamente il burattino. Ho iniziato a narrare le fiabe tradizionali (“Cappuccetto Rosso”, “Riccioli d’oro”, “Biancaneve”, ecc…) utilizzando dei pupazzi che io stessa cucivo.

Nel 2014 sono rientrata nella baracca dei burattini, ma con un nuovo repertorio, un nuovo stile. 

Nel 2017 ho vinto il premio “Ribalte di Fantasia” per la mia interpretazione per burattini de “La Regina della Neve” di Andersen.

Quello che sono oggi potete vederlo qui: 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *